venerdì 22 gennaio 2010

Terrore dall'infinito


Lo ammetto, ero scettico. E le recensioni non erano incoraggianti. Invece mi ha preso. Serrato ed avvincente. Una docu-fiction che non scade mai nella spettacolarizzazione a tutti i costi. Quale che sia la spiegazione a cui si decide di dare credito, lascia comunque una certa inquietudine addosso. 

Curiosa l'incredibile somiglianza con Terrore dall'infinito, storia di Dylan Dog scritta e pubblicata molti anni prima dei fatti raccontati nel film. Tanti i tratti in comune: l'ambientazione, le sedute ipnoterapiche, gli alieni che mascherano, forse, un disagio psicologico e perfino la presenza simbolica del gufo. 

Tanto per cambiare, il doppiaggio fa i suoi danni. Per i filmati amatoriali sarebbe stato il caso di mantenere l'audio originale ed inserire i sottotitoli.

Ah, dimenticavo, la protagonista è lei



quindi va bene tutto.


Nessun commento:

Posta un commento